Quando David Guetta era un giovane DJ

Quando David Guetta era un giovane DJ che contribuiva a costruire la scena club di Parigi, era sicuro che la musica dei Daft Punk fosse migliore a causa della ricchezza del duo. Pensava "avranno migliori connessioni”, "avranno uno studio gigante”. Poi ebbe l’opportunità di andare a trovarli in studio e scoprì che Thomas Bangalter e Guy-Manuel De Homem-Christo avevano realizzato il loro LP di debutto Homework con praticamente nulla. Se i Daft Punk erano riusciti a cambiare il mondo senza avere neanche un vero monitor da studio anche lui avrebbe potuto un giorno toccare il cielo con un dito.

Il resto come tutti sappiamo è storia.

GUARDA VIDEO

Guetta racconta al mondo la sua storia in questo mini-documentario di 15 minuti intitolato "The Road to Jack Back". Jack Back è l’alias di Guetta, un ritorno alle sue radici house presente anche nel suo ultimo album ‘7’. Il documentario va dai primi faticosi passi da DJ fino ai sabati passati nei negozi di dischi spendendo tutti i risparmi per comprare più dischi possibile,

qualche volta rubandone anche qualcuno, per essere sempre il selezionatore di musica migliore della città. Tutto prima che arrivasse internet, quando la collezione di vinili di un DJ e la sua abilità nel mixare era ciò che ti aiutava a procacciare le serate. La gente andava ad ascoltare un certo DJ perché sapevano avrebbe suonato qualcosa di diverso e nuovo e tutto questo era un’esperienza unica.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Mob: +39 348 6003283

Email: indacotiziana@gmail.com

Via Donizetti, 99

21010 Germignaga (Va)

P.IVA 03719970125

DoReMusic 

Tiziana Massa